La nazionale di Ventura

Play-off qualificazione ai Mondiali di Russia 2018. Spareggio Italia – Svezia

Dopo la deludente partita d’andata con la Svezia tutti addosso a quel can: Ventura.

Pover uomo…. Si chiede a lui l’impossibile: di far tornare giovani campioni che furono, di far diventare campioni buoni ed onesti giocatori, di far diventare campioni giovani di belle speranze che oggi non lo sono.

Vediamoli uno ad uno: Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, De Rossi. Campioni lo sono stati, ancora oggi talvolta sfoderano una prestazione eccellente, ma sono ormai alla frutta. Sono 5 su 11!

Parolo, Darmian, Candreva, Eder. Buoni giocatori, ma campioni non lo saranno mai, e siamo a 9!

Verratti, Immobile, Belotti, Insigne. Sono i più giovani, se pur non giovanissimi, e da loro ci aspettiamo tanto, sicuramente troppo a livello internazionale. Sono i 13 che hanno giocato ieri sera.

Di campioni non ne vedo e men che meno fra i convocati (persino Donnarumma sembra diventato una speranza, dopo un inizio travolgente…).

E allora? Dove sono i Rive ra, Mazzola, Riva ed altri della Nazionale anni 60-70? Dove sono Zoff, Gentile, Cabrini, Scirea, Conti, Tardelli, Antognoni, Rossi ed altri della Nazionale anni 70-80?

Poi i campioni più recenti come Buffon, Barzagli, Chiellini, Totti, Del Piero, del mondiale 2006…..Oggi ci dobbiamo aggrappare a coloro che campioni sono stati dieci anni fa e a coloro che forse non lo saranno mai più di tanto.

La forza del nostro calcio attuale è questa e, allora, speriamo nel futuro. Per il momento speriamo di vincere il ritorno ed andare comunque al Mondiale. Sempre e comunque: forza Italia!




Articolo scritto da: Crispino
Pubblicato il: 13 novembre 2017
Categoria: Calcio News
Argomenti:

Lascia un commento