Il punto sulla Serie A 2016/17 dopo 12 giornate

Siamo arrivati alla terza sosta di questo campionato di Serie A 2016-2017 e si possono già cominciare a fare i primi bilanci e le prime considerazioni.

Partiamo dalla regina delle ultime 5 stagioni, la Juventus, che anche quest’anno nonostante il gioco latiti, è sempre la capolista semplicemente perché troppo più forte tecnicamente delle altre. Non a caso in Champions la vecchia signora sta avendo diversi problemi nonostante un girone abbordabile.

Le dirette inseguitrici della Juve sono la Roma e il Milan rispettivamente a -4 e -5 dalla capolista.

In particolare la Roma dopo un inizio poco rassicurante, dovuto alla brutta batosta subita nei preliminari per mano del Porto si sta riprendendo ed è reduce da 6 risultati utili consecutivi (5 vittorie e 1 pareggio, lo scialbo 0-0 con l’Empoli).

Il Milan invece grazie a Montella ha ritrovato una quadratura e viaggia a ottimi ritmi aiutati dal fatto che non partecipa alla coppe europee così come la Lazio che segue a 22 punti e sta trovando oltre i risultati che già arrivavano a inizio stagione un bel gioco e un bel gruppo unito e grintoso ottimamente guidato dal giovane S.Inzaghi, alla sua prima esperienza nel calcio dei grandi dopo le esperienze nelle giovanili biancocelesti.

Appaiata alla Lazio c’è la sorpresa di questo campionato l’Atalanta che con il suo mix tra giovani ed esperienza ha messo in difficoltà diverse squadre, ultima in ordine cronologico il Sassuolo, battuto 3-0, che sia per gli impegni europei e per i moltissimi infortuni non sta riuscendo a confermarsi nella massima serie mentre sta facendo benino nel girone di Europa League.

Dietro la coppia Lazio, Atalanta si ritrova il Napoli poco fortunato fin qui e alla ricerca ancora del miglior Gabbiadini dopo l’ infortunio occorso a Milik.

Due nobili del calcio per il momento indietro in classifica, appaiate a quota 17, sono la Fiorentina, che però deve completare la partita con il Genoa interrotta per pioggia sullo 0-0 al 27° minuto, e soprattutto l’Inter, che dopo l’ esperienza poco felice con De Boer si è affidata al tecnico ex Lazio e Bologna, che conosce sicuramente di più dell’ olandese la massima serie e che cercherà di raddrizzare una situazione difficile sia in campionato che soprattutto in Europa League dove serve un miracolo per poter passare il turno.

Passando alla lotta per la salvezza che mai come questa’anno sembra limitata a poche squadre il Crotone ultimo a 5 punti, il Palermo a 6 e il Pescara a 7 punti, di cui 3 vinti a tavolino con il Sassuolo.

Per ora l’unica squadra che potrebbe essere insidiata è l’Empoli a quota 10.

Una situazione questa che più avanti nel tempo potrebbe favorire alcune squadre in cerca di punti per lo scudetto e per l’Europa che contro squadre che non hanno nulla da chiedere al campionato potrebbe avere vita troppo facile.

Adesso invece godiamoci la sosta con la nuova nazionale del ct Ventura che grazie anche alle molte società che stanno puntando ai giovani italiani, in primis Lazio, Milan e Atalanta sta costruendo una squadra più giovane che mai e con tanta voglia di stupire.




Articolo scritto da: Daniele
Pubblicato il: 10 novembre 2016
Categoria: Serie A

Lascia un commento