Tutta colpa di Galliani!

Certo che questi, per l’amministratore delegato al ramo sportivo del Milan, non sono giorni felici. Giustamente! Lui annuncia missioni di calciomercato, crea grandi aspettative tra i tifosi, poi puntualmente torma indietro a mani vuote.

Due settimane fa il suo presidente dichiarava che la società avrebbe realizzato grandi acquisti in questo calciomercato. Che il Milan sarebbe tornato grande. Ibra, Jackson Martinez e Kondogbia. Tecnica, potenza e classe che avrebbero cambiato le sorti del prossimo scudetto.

Galliani rilascia dichiarazioni negli aeroporti di partenza. Negli aeroporti di arrivo. Al di fuori degli alberghi che ospitano le trattative. Addirittura partecipa a cene a tre nell’ambito della trattativa per Kondogbia dove sono presenti lui, parte acquirente, il Monaco, parte venditrice e l’Inter, concorrente nell’acquisto del calciatore.

Scene mai viste! Pubblicità dell’affaire Milan sulle prime pagine dei quotidiani, sui siti, nei tg sportivi. Il Milan torna grande! Galliani all’attacco! Poi cosa succede? Le tornate elettorali passano, i presunti acquisti diventano oggetto di attenzione di altri club, il Milan non riesce a far fronte alle nuove richieste per questioni di bilancio e Galliani si ritrova a mani vuote.

Certo, “…la società ha fatto tutto ciò che poteva, ma si è rifiutata di partecipare a un’asta che ne avrebbe dissanguato le finanze…” questo il riassunto delle dichiarazioni.

Lo ha fatto per il bene dei tifosi, ovvio! Il trucco è sempre lo stesso, spararla grossa. Creare l’attesa della notizia produce più pubblicità rispetto alla notizia stessa.

In seguito è sufficiente trovare una ragione plausibile per cui la trattativa è stata interrotta, ma il disegno era definito su queste coordinate sin dall’inizio e vi dirò di più… Berlusconi non ha venduto e Bee non ha acquistato ancora nulla. Se accadrà non sarà il 48% per 470 milioni come dichiarato fino ad oggi. Se accadrà…




Articolo scritto da: Domenico Squarcio
Pubblicato il: 22 giugno 2015
Categoria: Calciomercato
Argomenti:

Lascia un commento