Napoli 2014/2015: l’apice del fallimento

Napoli CalcioDalle grandi promesse, a false speranze, fino ad arrivare al nulla. Quello successo nella stagione 2014-2015 a questo Napoli, quello che i tanti avrebbero rinominato come l’Anti-Juve, o addirittura in grado di vincere l’Europa League.

Nulla da dire sulle poche certezze date in campo, ma di sicuro il sudore e la voglia, la cattiveria agonistica, davvero non ci sono mai state.

Le critiche ormai piovono a dirotto e bersaglio di tutto c’è sempre l’allenatore, il vincente Rafa, quello che tutt’ora in tanti vorrebbero rimanesse, altri (la parte maggiore) vorrebbero andasse via. I suoi “problemi” familiari non fanno altro che destabilizzare l’ambiente e il suo Napoli ne risente.

Il presidente dovrebbe far chiarezza, come detto dallo stesso allenatore, sugli obiettivi ad inizio campionato, gridare scudetto e raggiungere una piccola se non ingratificante qualificazione alla prossima Europa League è a dir poco ingiusto per un tifo che merita di più.

Il mercato, o forse semplicemente qualcos’altro, serviranno ad un Napoli privo di caratteristiche principali per far male alle squadra Top del campionato e non.

Rinforzi e sudore, rabbia e maniche su, per un Tifo che semplicemente vuole di più.




Articolo scritto da: Mattia Allinoro
Pubblicato il: 25 maggio 2015
Categoria: Serie A
Argomenti:

Lascia un commento