L’Inter frena ancora, solo pari con il Brescia. Il Bologna batte il Lecce

Termina 1-1 tra Inter e Brescia. I nerazzurri si salvano grazie a un rigore di Eto’o procurato dallo stesso calciatore camerunense. Negativa la prestazione complessiva degli uomini di Benitez. Alle 18 il Bologna, negli ultimi minuti, riesce a battere per 2-0 il Lecce e abbandona l’ultima posizione.

Inter - Brescia 1-1 06/11/2010

Inter - Brescia 1-1

Milano – L’emergenza infortuni per l’Inter sembra non finire mai. Non bastassero le assenze del prepartita (Julio Cesar, Cambiasso, Stankovic, Motta, Mariga e Muntari), l’Inter perde subito Maicon nel primo tempo, Sneijder all’intervallo e Samuel all’inizio della ripresa.

Ovvio che con queste premesse il gioco dei nerazzurri è soltanto un lontano parente di quello cinico e spietato della scorsa stagione sotto la gestione Mourinho, ed i rincalzi non possono garantire spettacolo, emozioni e successi alla truppa di Rafa Benitez.

L’allenatore nerazzurro sceglie di mandare in campo contemporaneamente Milito ed Eto’o in avanti, con Sneijder a supporto dei due. Dopo poco, però, lo spagnolo capisce che i due si pestano i piedi e decide di tornare al classico schieramento di Mourinhiana memoria con il camerunense sulla sinistra e l’argentino unica punta.

Nelle file del Brescia torna Diamanti, dopo la squalifica di tre turni, schierato alle spalle di Caracciolo. Quest’ultimo, nei primi minuti, fa rivivere alla retroguardia nerazzurra, composta da Chivu, Samuel, Lucio e Maicon, gli spettri del martedì di Champion’s al White Hart Lane di Londra contro il Tottenham. L’airone bresciano fa lo stesso gioco di Crouch e al 15° illumina, per i suoi, San Siro: stoppa un pallone al limite dell’area, si permette il lusso di un tunnel a Samuel e di punta supera Castellazzi.

Le rondinelle allenate da Iachini, dopo il vantaggio, cercano di rallentare il gioco, tenendo palla e facendo scorrere il cronometro. Ma l’Inter riesce spesso a portarsi nei pressi dell’area di rigore avversaria senza, tuttavia, creare nitide occasioni per il goal.

Lo schema offensivo nerazzurro è molto semplice: dare la palla ad Eto’o, con la speranza che quest’ultimo cacci una magia dal proprio cilindro. E’ proprio così che l’Inter riesce ad agguantare il pari verso la mezz’ora della ripresa: Berardi atterra in area il camerunense e l’arbitro Gava decreta il penalty, trasformato in maniera egregia dallo stesso attaccante nerazzurro, che spiazza il portiere avversario Arcari.

Forcing finale dei campioni d’Europa che, però, non porta i frutti sperati. L’occasione più ghiotta capita sui piedi di Milito, ancora lontanissimo dalla migliore condizione, che al 95° a tu per tu con Arcari spedisce la palla in tribuna.

L’Inter si deve accontentare di un punticino che la porta a quota 19 punti, mentre per il Brescia è il primo pari stagionale e, viste le ultime cinque partite avare di soddisfazioni, può considerarsi un ottimo trampolino dal quale ripartire.

Bologna - Lecce 2-0 06/11/2010

Bologna - Lecce 2-0

Bologna last minute – Nell’anticipo delle 18, il Bologna, a cavallo dell’85° minuto, riesce a cambiare le sorti del match, riuscendo a realizzare due reti grazie al solito Di Vaio e all’uruguagio Gimenez.

I felsinei abbandonano l’ultimo posto e agganciano proprio i salentini a quota 11 punti, salvando almeno per una settimana la panchina di mister Malesani.

Partita tutt’altro che spettacolare al “Renato Dall’Ara”, con il Bologna che ha mantenuto il pallino del gioco senza però creare troppi patemi ad un Lecce sulla difensiva per quasi tutta la gara.




Articolo scritto da: Marco Frattino
Pubblicato il: 7 novembre 2010
Categoria: Serie A
Argomenti: , , ,

Lascia un commento