La Storia Insegna

Lo si studia fin da bambini: i Russi per fermare Napoleone adottarono la strategia della terra bruciata. Era il 1812. Oggi stessa storia nel nostro campionato.

Si corre al riparo adottando ogni rimedio possibile per fermare l’Inter. Anche il catenaccio se del caso. Ma il generale Mou conosce molto bene la storia, e come un abile condottiero sale sul cavallo neroazzurro e guida la sua truppa dritta all’obiettivo scudetto.

La vittima di turno è il Cagliari di Allegri. Pandev, Samuel e Milito prendono in mano le baionette e assaltano la fortezza sarda, la quale cede dopo appena 6 minuti. L’unico che ci crede è il soldato Matri. Il suo nome potrebbe comparire sul tabellone elettronico di San Siro sotto la voce “marcatori”. Il suo gol potrebbe riaprire la partita. Il suo gol potrebbe riaccendere qualche speranza nella corsa scudetto. Però c’è una parola di troppo: potrebbe. Gervasoni non vede il tocco di Santon e annulla il gol. Se l’arbitro fosse stato aiutato dall’assistente a quest’ora parleremmo d’altro. Ma tanto lo sappiamo tutti: la storia non si fa con i se.

E mentre a Milano si consuma la tragedia cagliaritana, in terra emiliana le truppe rossonere si arrendono di fronte alle barricate erette dai felsinei. Il Milan domina la partita ma non è cinico. Troppi errori. Seedorf disorientato, Pirlo che fa il bello e il cattivo tempo, Mancini non in perfette condizioni fisiche. E se in casa Galliani la samba è rimandata, fervono i preparativi nella dimora della Menarini. Vedere esultanza stile campioni del mondo da parte della presidentessa alla fine della partita.

La storia insegna anche che circa 2000 anni fa i romani conquistarono mezza Europa. Se il sogno Champions è ancora lontano nel frattempo Ranieri esce vincente anche da Firenze. Certo meritava la Fiorentina, però nel calcio contano i gol. La viola crea e costruisce (vedi Montolivo e Vargas) ma niente da fare. E alla fine ci pensa Vucinic ad approfittare di una distrazione difensiva di Dainelli, che si sta ancora interrogando da dove sia spuntato il gladiatore romanista. La Roma adesso può sognare ma deve sperare in qualche passo falso dell’Inter.

Mercoledì si ritorna in campo… o meglio in battaglia. Mou tenterà l’assalto alla città ducale. Il primo tentativo è fallito causa maltempo. I Russi fermarono Napoleone anche grazie alle avverse condizioni meteorologiche. E se la storia insegna…




Articolo scritto da: Davide Reggiunenti
Pubblicato il: 8 febbraio 2010
Categoria: Calcio News
Argomenti:

Lascia un commento