Gli Stadi Italiani in Balia dell’Inverno

E’ passato poco più di un mese. Ma la storia non cambia. Ennesima partita rinviata causa neve.

Stadio Tardini di Parma innevato 31-01-2010

Stadio Tardini di Parma innevato

E non stiamo parlando del campionato russo o di quello polacco, ma della nostra serie A. E ancora una volta non c’entra l’impraticabilità del campo (espressione ormai decaduta nel tempo) ma l’angosciante problema che attanaglia il calcio italiano da decenni: gli stadi. Strutture antiquate lontane anni luce dagli standard europei, che soffrono come neve che si scioglie al sole. Ecco, come la neve, ormai divenuta argomento più sportivo che meteorologico.

Ieri Parma – Inter è stata rinviata per motivi di pubblica sicurezza a causa della neve che ricopriva spalti e vie d’accesso allo stadio. Giusta o meno la decisione presa del questore della città emiliana lo stabiliranno le consuete discussioni sportive del lunedì mattina nei bar o negli uffici. Ma tralasciando le polemiche non possiamo negare che i nostri stadi siano incapaci di far fronte ai vari inconvenienti che interessano questo sport.

Se l’Italia punta ad ospitare eventi come gli europei o addirittura i mondiali siamo sulla strada sbagliata. Pregasi mettere la freccia e fare inversione. Inaccettabile che solo pochissimi stadi italiani siano dotati di una copertura totale delle tribune. Inaccettabile come si rimanga sorpresi da una nevicata ampiamente preannunciata dalle previsioni meteorologiche.

Non stiamo discutendo dell’eccellenza o della promozione, dove questi casi sono quasi all’ordine del giorno (e dove sarebbero comunque accettati), ma del massimo livello professionistico del campionato italiano di calcio, che viene visto e riconosciuto tra i più belli del mondo.

Non bastano tornelli o tessere del tifoso. Bisogna intervenire sulla materia prima, ossia gli stadi.

Ed è così che Parma – Inter si giocherà il 10 Febbraio 2010. Neve permettendo.




Articolo scritto da: Davide Reggiunenti
Pubblicato il: 1 febbraio 2010
Categoria: Calcio News
Argomenti: ,

Lascia un commento