Arsenal: Il Grande Progetto di Wenger

ArsenalFondata nel 1886 l’Arsenal Football Club è la squadra di Londra più titolata, con ben tredici campionati di massima serie inglesi, dieci Coppe d’Inghilterra, due Coppe di Lega inglesi e dodici (di cui una condivisa) Supercoppe d’Inghilterra.

La squadra negli ultimi anni si è sempre concentrata di più sui giovani, guardano bene all’estero ma gestendo alla grande il proprio settore giovanile.

Nonostante c’era chi pensava che dopo l’Arsenal di Henry, Bergkamp, Pires e Ljungberg che nel recente passato si è più volte imposto in Premier League sfiorando anche il successo europeo nella finale di Champions di Parigi nel 2006, l’Arsenal per riuscire a rimanere ad alti livelli con un Manchester United sempre più solido sia dal punto di vista dell’ organico che da quello economico e con l’ arrivo dei miliardari Abramovic e il più recente Al Fahim, presidente del Manchester City, avrebbe dovuto investire fiorn fiorn di quattrini per ricreare, nel campionato più ricco del mondo, un organico che in 2 anni è cambiato quasi di 11/11.

Ma invece i Gunners continuano ad essere li su, tra le prime 4 della Premier pronti a lottare per il titolo, continuando a fare bene anche in ambito europeo e mostrando sempre bel calcio.

Il merito di chi è?

Arsene WengerSenza dubbio di Arsène Wenger che da anni siede sulla panchina del Arsenal gestendone sia l’aspetto propriamente calcistico che quello finanziario e adottando una politica dei giovani che associata a un’organizzazione tattica tra le migliori al mondo fa si che l’Arsenal senza investimenti stellari riesca a rimanere tra i club più importanti d’Europa con una formazione senza nomi troppo altisonanti ma su cui vale la pena però soffermarsi:

Partiamo dal portiere, Manuel Almunia spagnolo di 31 anni certamente non una sicurezza tra i pali ma comunque abbastanza affidabile per un campionato come quello inglese che non è famoso al mondo per la presenza di grandi portieri, e che dopo scarsi risultati nella Liga spagnola si trova non più giovanissimo a vivere l’esperienza più importante della sua carriera.

Cominciando a parlare del reparto difensivo si incomincia a notare come il club negli ultimi anni si sia sempre di più trasformato in una colonia di calciatori francesi senza però far crescere malcontenti tra i tifosi inglesi. Infatti 3/4 della difesa titolare sono di nazionalità francese, parliamo infatti di Clichy Sagna e del capitano non che numero 10 della squadra William Gallas che da quando è all’Arsenal ha mostrato sempre di più le sue doti da leader, non tirandosi mai indietro soprattutto nei momenti di maggior difficoltà della squadra; affiancato da un’altra sicurezza per i Gunners l’ivoriano Toure.

Spostandoci al centrocampo notiamo che l’età media non supera i 22 anni, con un Francesc Fabregas che nonostante la sua giovane età si trova (a causa dell’infortunio di Tomas Rosicky) ad essere, con un campionato europeo alle spalle, l’uomo di maggior esperienza, affiancato da giovani talenti come il brasiliano Denilson il francese Nasri, prelevato in estate dal Marsiglia, e l’unico inglese della rosa titolare ossia il 19enne Theo Walcott.

Spostandoci nel reparto offensivo la musica non cambia la coppia d’attacco è composta dall’ olandese Robbie Van Persie e l’attaccante del Togo Emmanuel Adebayor, non sicuramente nomi altisonanti al momento del loro arrivo a Londra, ma ora corteggiati da mezza Europa.

Se si osserva la panchina, la rosa è composta sempre da giovani talenti come Ramsey, Song, Diaby, Da Silva e Bendtner che visti già gli ottimi risulatati faranno il futuro di questa squadra.

Nonostante questo, dopo due sfortunate sconfitte in campionato, c’era già chi chiedeva l’esonero di Wenger; ma i Gunners hanno risposto sul campo con la meritata vittoria contro i campioni in carica del Manchester United, nonostante una rosa dimezzata da infortuni e squalifiche, proprio con una doppietta di Samir Nasri, giovane, talentoso e francese, coincidenza?

No sicurezza di un grande progetto, quello di Arsène Wenger.




Articolo scritto da: Paolo Ronca
Pubblicato il: 13 novembre 2008
Categoria: Calcio News
Argomenti:

Lascia un commento