Napoli: Un Progetto Vincente

Napoli Calcio Il direttore generale Pierpaolo Marino lo ripete in continuazione: “due anni e quattro mesi fa eravamo a Lanciano a giocare nel campionato di serie C“.

Adesso la squadra del Napoli dopo una stagione nel campionato cadetto, dominata assieme alle “sorelle” Juventus e Genoa, e dopo un ritorno in serie A che l’ha visto protagonista come rivelazione del campionato, sembra tornato grande.

Per adesso è grande anche nei risultati ottenuti, la squadra di Reja, ma è meglio non illudere i tanti tifosi partenopei. Probabilmente arriveranno tempi più duri per l’armata azzurra, tempi in cui ogni punticino guadagnato col sudore sarà utile alla squadra.

Ma Napoli, si sa, è una piazza calda e volubile che adesso elogia a man bassa ogni componente della squadra che è risorta dalle sue ceneri grazie ad una fenice di nome Aurelio De Laurentiis. E’ difficile non aggiungersi agli elogi per questa squadra: come non elogiare la preparazione, la tenacia e la competenza di Pierpaolo Marino, come non elogiare lo spirito battagliero, l’attaccamento alla maglia e alla città del presidentissimo De Laurentiis, come non elogiare Edoardo Reja: tanto criticato quanto abile tecnico, come non elogiare una squadra con tanti giovani davvero promettenti e di classe calcistica elevata come; Lavezzi, Hamsik, Santacroce, Vitale, Gargano ecc ecc.

Discorso a parte lo meritano i tifosi: vero cuore pulsante di tutta la squadra. I tifosi del Napoli sono quelli che racimolano soldi durante tutto l’anno per arrivare al mese di agosto con abbastanza soldi per comprare l’abbonamento, sono quelli che la domenica, cascasse il mondo, alle 15.00 si va allo stadio a vedere la partita, sono quelli che si macinano chilometri di autostrade con partenze ad orari ai limiti dell’umano per seguire la squadra in trasferta.

Questi sono i tifosi partenopei che, purtroppo, in questi giorni si sono visti diffamati a mezzo stampa da tutte le emittenti televisive e da parecchi giornali. C’è da precisare che quelli di Roma – Napoli, quelli che abbiamo visto spesso nelle immagini televisive, non erano tutti tifosi del Napoli. Molti lo erano, altri erano lì solo per creare confusione e alla fine pagano tutti, colpevoli e innocenti, com’è tradizione nella società italiana.

Nonostante tutto il progetto di Marino e De Laurentiis va avanti a gonfie vele. Dopo un anno di Serie A il Napoli è già in coppa Uefa, ci è arrivato dalla porta di servizio chiamata intertoto ma e là, assieme a grandi squadre come Milan, Everton, Manchester City e lo stesso Benfica, avversario di caratura mondiale che al San Paolo ha subito la dura legge della “Baby Gang” azzurra che, davanti al suo pubblico in un appuntamento da prima serata, sembra essere imbattibile.

Imbattibile come lo è stato fino ad ora, il Napoli, che dall’inizio della stagione ha collezionato nove partite senza sconfitte (sette vittorie e due pareggi), una armata di ferro che fa sognare i suoi tifosi che non vedono l’ora di tornare a lottare per lo scudetto o di vedere il Napoli in Champions League, di raggiungere quei traguardi che spettano ad una società che ha visto giocare tra le sue file il calciatore più forte di tutti i tempi.




Articolo scritto da: Salvatore Brancaccio
Pubblicato il: 26 settembre 2008
Categoria: Calcio News
Argomenti:

Lascia un commento