I Nonni della Serie A sono i Portieri

Spulciando le statistiche alla ricerca dei calciatori più vecchi ancora in attività si scopre come la maggior parte di questi siano portieri. Proprio così: i portieri sono i nonni della serie A.

Marco Ballotta, portiere della Lazio nato il 3 aprile 1964, è il calciatore più anziano ancora in attività, con i suoi 43 anni e 6 mesi.

Marco BallottaA seguire, in questa speciale classifica ci sono Alberto Fontana, portiere del Palermo, nato il 23 gennaio 1967, Daniele Balli, data di nascita 16 settembre 1967, portiere dell’Empoli e Luca Bucci, nato il 13 marzo 1969, che difende la porta del Parma.

Ma non dimentichiamoci di Gianluca Pagliuca, nato il 18 dicembre 1966, attualmente senza squadra ma non ancora ritiratosi dall’attività agonistica.

Avere portieri “anziani” non significa non avere valide alternative tra i giovani del vivaio, ma al contrario sfruttare e valorizzare la loro grande esperienza sia sul campo che in allenaento.

Attenzione particolare merita Marco Ballotta, grande professionista che, nonostante la concorrenza del giovane portiere Muslera, è ancora il titolare tra i pali della Lazio, dove anche domenica contro l’Udinese si è guadagnato il premio di migliore in campo.

I numero 32 della Lazio è veramente un portiere da record. Oltre a detenere il primato di portiere più vecchio a disputare una gara in serie A (il primato prima spettava a Zoff), è diventato in questa stagione anche il giocatore più anziano a partecipare ad una partita della Champions League battendo il primato del 2003 di Dany Verlinden.

Puntare su portieri di esperienza non è una novità, bensì una tradizione tutta italiana, basti pensare che Dino Zoff, uno dei più forti portieri di tutti i tempi, conquistò la Coppa del

Mondo nel 1982 in Spagna all’età di 40 anni (Zoff è infatti nato il 28 febbraio 1942)!




Articolo scritto da: ErrePi
Pubblicato il: 30 ottobre 2007
Categoria: Calcio News

Lascia un commento